Scegliere la misura della NPA

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Durante i corsi tattici diciamo spesso di scegliere la misura della NPA (nasopharingeal airway) basandoci sulla larghezza del dito mignolo o sulll’ampiezza della narice. E’ il metodo migliore, o esiste un metodo più rapido ed efficace?

Durante i corsi tattici diciamo spesso di scegliere la misura della NPA (nasopharingeal airway) basandoci sulla larghezza del dito mignolo o sulll’ampiezza della narice. E’ il metodo migliore, o esiste un metodo più rapido ed efficace?

U.S. Air Force Senior Airman Echo Heldreth, an aerospace medical technician with the 6th Medical Operations Squadron, practices inserting a nasopharyngeal airway tube through the nasal passageway of a simulation manikin during a Tactical Combat Casualty Care course at MacDill Air Force Base, Fla., Jan. 29, 2018. This training was one of three medical simulation training stations that taught members from the 6th Medical Group life-saving techniques and strategies for providing the best trauma care. (U.S. Air Force photo by Airman 1st Class Ashley Perdue)

Posizionamento ideale

Prima di rispondere alla domanda, facciamo una premessa: l ‘NPA posizionata bene dovrebbe trovarsi a circa 10 mm sopra l’epiglottide.

Lunghezza o larghezza?

Il fattore su cui dobbiamo ci si deve basare per scegliere la misura della NPA è la sua lunghezza, più che la sua larghezza.

Rapido calcolo delle misure

Per una femmina di altezza media ci vuole una NPA taglia 6 (lunga 130 mm) e per un maschio di media altezza ci vorrebbe una NPA taglia 7 (lunga 150 mm). Un maschio molto alto richiederà invece una NPA taglia 8. Una femmina alta richiederà una taglia 7 e una femmina bassa una taglia 6 con la spilla da balia posta a 1 cm dalla flangia.

Un altro metodo rapido molto utilizzato è quello di tenere la NPA contro il lato del viso: una cannula di dimensioni corrette si estenderà dalla punta del naso al trago dell’orecchio. 

E nei bambini?

Sembra che questa tendenza si applichi anche in ambito pediatrico.

Conclusioni

Dopo avere stabilito che la lunghezza è il fattore determinante nella scelta della misura della NPA, non dimentichiamoci però di lubrificare le cannule rinofaringee con un lubrificante idrosolubile o una crema anestetica come il gel di lidocaina, per facilitarne il passaggio ed evitare microtraumi.

Per approfondire le motivazioni, clicca sul player e ascolta il podcast!

Invece se volete approfondire i rischi a cui andate incontro posizionando una NPA in caso di trauma cranico, ne abbiamo già discusso qui.

Fateci sapere nei commenti se avete già utlizzato la NPA, e quale metodo utilizzate per scegliere la misura nel vostro ambito operativo.

Bibliografia

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC1726817/pdf/v022p00394.pdf

Giovanni B. Giay Pron

Giovanni B. Giay Pron

Infermiere 118 Piemonte, Istruttore TECC e TCCC per Naemt Italia, attualmente impegnato in un master di ricerca scientifica in ambito sanitario. Avido lettore, curioso di natura, credo nella divulgazione scientifica seria e rigorosa come strumento di crescita e sviluppo della società.

Commenti