Stress da combattimento e soccorso

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Dopo avere letto il libro di Dave Grossman "On Combat", oggi parleremo di un tema spesso sottovalutato nella formazione e nell'addestramento del soccorritore tattico: lo stress tipico del combattimento.

Sappiamo tutti quanto sia importante la preparazione fisica nel soldato, poliziotto o soccorritore. Anche la mente, però, deve essere preparata con la stessa accuratezza nella gestione dello stress, dovuto sia al combattimento che al soccorso. È infatti la mente che controlla mani, braccia, occhi e orecchie. Come reagisce il nostro corpo mentre prestiamo soccorso ad un ferito in una situazione in cui la nostra stessa vita è in pericolo? Discuteremo di fenomeni, portati alla conoscenza del grande pubblico da libri come “On Combat” di Dave Grossman, quali l’ esclusione uditiva, il “tempo al rallentatore“, la “visione a tunnel“, la perdita di controllo su sfinteri e vescica e i disturbi post-traumatici con il Dr. Mirko La Bella, Psicologo, Specialista in Psicoterapia Cognitiva ed EMDR Accredited Practitioner.

Giovanni B. Giay Pron

Giovanni B. Giay Pron

Infermiere 118 Piemonte, Istruttore TECC e TCCC, Coordinatore Nazionale programma TECC per Naemt Italia. Avido lettore, curioso di natura, credo nella divulgazione scientifica seria e rigorosa come strumento di crescita e sviluppo della società.

Commenti